Cronache di alcuni concerti…ovviamente di Bryan Adams

…giusto per ricordare un pò…

Roma, 31 Luglio 2006 Fori Imperiali // Bryan Adams & Billy Joel

Che ricordi…
Eccomi qui a raccontare la super giornata del 31 luglio ai Fori Imperiali di Roma…Sono partita da Grottaminarda (prov di Avellino) alle 3:40…un sonno pazzesco…Nel pullman…ovviamente non riesco a dormire…ascolto un po’ di musica, naturalmente quella di Bryan e aspetto con ansia di arrivare a Roma.
Alle 6:15 sono già alla stazione Tiburtina…il caldo già si fa sentire…Senza perdere tempo prendo la Metro ed arrivo al Colosseo…
Scatto subito la prima foto al palco e mi rendo conto che è un tantino distante, l’area sotto il palco è chiusa. Subito conosco Walter e Floriano… Parliamo un po’ di musica, io di Bryan, loro di Billy…dopo un po’ arriva anche Lorenzo, del forum Badsite…alle 8:00 del mattino siamo solo in quattro…ma ancora per poco…conosco altri ragazzi del Badsite tra cui BadDani e LuckyVal (grazie ragà) e Jessica…e con loro passo il resto della giornata…Alle 11:45 circa Billy Joel comincia le prove sulle note di Cuts like a knife…ma di Bryan neanche l’ombra…e qui quelli della security ci fanno lasciare il posto e ci spediscono lontanissimi dal palco lungo via dei Fori imperiali…insomma ci bloccano con le transenne…addio soundcheck di Bryan, addio foto fatte alla luce del sole …e mentre la giornata è gia al top del caldo…una vocina conosciuta intona una song di Billy Joel You may be right…Bryan è li sul palco …lontanissimo… non ci resta che ascoltare, chiudere gli occhi e cominciare a SOGNARE…
L’attesa è davvero insopportabile, il caldo…non ne parliamo…una giornata di fuoco intenso…l’asfalto…rovente!!! Ci avvertono che fino alle sette non si entra…si chiacchiera, ogni tanto arrivano dei giornalisti che ci chiedono di intonare qualche song del nostro artista…e noi :
“I got my first real six-string, bought it at the five-and-dime, played it till my fingers bled, It was the summer of ’69… Me and some guys from school, Had a band and we tried real hard -Jimmy quit and Jody got married- I shoulda known we’d never get far- Oh when I look back now, That summer seemed to last forever-And if I had the choice Ya – I’d always wanna be there, Those were the best days of my life“…pian pianino il tempo passa, alle 19:00 schiacciati come le sardine cominciamo ad entrare…è il turno mio e di Vale, un veloce controllo al mio zaino e poi la lunga corsa verso il palco…nella famosa area che era chiusa…prendiamo un ottimo posto, non vicinissimo per fare le foto, ma vicinissimo per guardare tutti i movimenti di Bryan…e goderci al massimo lo spettacolo.
Alle 21.00 Bryan sale sul palco,jeans & maglietta nera con un paio di ali bianche disegnate sulla schiena e chitarra a tracolla comincia il grande concerto e ci regala il primo grande pezzo “So far so good”…eh si Bryan fin qui tutto bene, tanto da non riuscire, dall’emozione, neanche a cantare…Il Canadian man continua a regalarci altre perle come Somebody,Open road, 18 til I die,Can’t stop this thing we started,Back to you, Summer of ’69, una meravigliosa versione di Please forgive me tanto bella da non farmi sentire la mancanza di (Everything I do) I do it for you e Heaven, poi continua con The only thing that looks good on me is you con tanto di coro finale is you you you you da cantare all’infinito, Cloud # 9, Run to you, e per rendere il tutto ancora più emozionante mentra canta The best of me scende giù dal palco per regalare un ultimo best of soprattutto a quelli della prima fila… letteralmente da panico…!!! E purtroppo solo dopo un’ora di concerto…bellissimo, ci saluta e se ne va lasciando il palco a Billy Joel…lasciamo il posto anche noi spostandoci in fondo in fondo…da dove eravamo partite nel pomeriggio per la grande corsa…decise a guardare il resto del concerto dai maxischermi…Dopo un’ora e mezza circa Bryan ritorna sul palco per duettare con Billy…ma ormai è troppo tardi e siamo troppo stanche per tornare sotto il palco e quindi ci gustiamo gli ultimi minuti da lontano con You may be right e Cuts like a knife! …Che emozioni!!!

“A Very Special Night” // 2 Ottobre 2008 Milano Teatro Ventaglio Smeraldo

Allora vediamo un po’…da dove comincio…
Milano Teatro Ventaglio Smeraldo, posto 34 fila A…decisamente da sogno!!!
Ore 19:45…eccoci già davanti al Teatro…c’è già tanta gente! Subito, senza perdere tempo facciamo il giro del teatro e siamo sull’entrata laterale artisti…ma ahimè, Bryan è già entrato…però becchiamo Keith…ehh si si, proprio il maestro…!!!
La serata si preannuncia davvero speciale!
Ore 20:45…ci accorgiamo che è tardi ed entriamo…Con grande sorpresa mi accorgo che c’è davvero tantissima gente che prende posto…uno sguardo verso il palco e mi rendo conto che la prima fila è davvero vicinissima allo stage…
Prendo posto, e seduta li, mi guardo intorno più di una volta per cercare qualche viso familiare…riguardo il palco, quel microfono , le luci, la scenografia semplice…e in poco tempo è magia, le luci si spengono ed il sogno inizia…Bryan, camicia nera, jeans scuro, anfibi e la sua inseparabile chitarra comincia a regalare emozioni… si parte con
“Tonight We Have The Stars”…la canto tutta d’un fiato insieme a Bryan… e mi rendo conto che è davvero difficile star seduta… Lui è felicissimo, emozionatissimo, mai visto un Bryan così sorpreso!
Si prosegue con “Back to You”…con tanto di armonica…gran bell’inizio e bella versione…L’armonica da davvero un tocco diverso alla canzone.
“Here I am”… mentre l’ascolto e lo guardo, penso…”Eh si Bryan, sono qui a Milano, a risentirti ancora una volta…per l’ottava volta”… verso la fine proprio Bryan cambia il testo della canzone in…”Here I am, in Milan… without my band”!!!
“Can’t Stop This Thing We Started”, versione molto molto bella…quelle note mi trasportano veramente lontano…sembra quasi tutto un sogno…ma invece è una bellissima realtà…
Il canadese è proprio contento, scherza, ci prende in giro…Scherza sul fatto che gli facciamo foto e video pensando che lui non vede nulla ed invece con una voce da Gollum del Signore degli Anelli ci dice:”I see You”…ma tutto ci è concesso, foto e video a volontà…
Let’s Make A Night to Remember… davvero una notte da ricordare per tutta la vita…Bryan in grande forma!
I Thought I’d Seen Everything…vero vero, pensavo di aver visto tutti finchè non ho visto te… sei lì a due passi da me…
“When You Love Someone”…di una dolcezza indescrivibile…:”You’’ll shoot the moon, put out the sun…when you love someone”…
“Heat of the Night”…a sorpresa!!! una grande canzone, almeno io non l’avevo mai ascoltata dal vivo…La canto tutta, parola per parola…
“She’s Got A Way”…blues version…accompagnata da Keith …
Eh si si, Bryan voleva farci la sorpresa, ma sapevamo tutti che c’era la ciliegina sulla torta…ovvero Keith…I due insieme sono una cosa spettacolare, un’intesa pazzesca, la perfezione delle note che si fondono con una voce davvero unica…I fell so naked, I fell so totally exposed…ehh mi sento proprio così…
“Cuts Like A Knife” (with Keith)…più volte dice a Keith, guardando la platea…:”Beautiful, beautiful”…
“This Side of Paradise” (with Keith)…song richiesta da un ragazzo che nel pomeriggio aveva incontrato Bryan fuori l’albergo…e lui l’accontenta…e bravo Bryan…!!! Tentiamo di fargli capire che vogliamo Lonely Nights…ci sente, eccome se ci sente …ci fa sperare con un “later”…ma non ci accontenta…sigh sigh…
“Summer Of ’69”…inutile dire che il teatro era un coro di voci che ne intonavano ogni singola nota…
“Walk On By”…che dolcezza!!!!!!
“It’s Only Love”… Bryan qui si sdoppia!!! Divertentissima imitazione di Tina Turner con l’assordante risata di tutto il teatro che ridereeeee!!! Che soggetto il nostro canadese, di una simpatia unica!
“Please Forgive Me”..non ci sono parole x descrivere l’atmosfera che questa canzone crea…
“Heaven”…ehhh sembra davvero di essere in paradiso…strepitosa interpretazione, voce davvero perfetta…dolce, calda, è BRYAN…più volte mi chiedo se mi rendo conto di chi sto ascoltando!!! E’ il coro di tutto il teatro in We’re in Heaven, Heaven, semplicemente magnifco!
“Straight From the Heart”…Cantata decisamente con il cuore!
“The Only Thing That Looks Good On Me Is You”…unica che non mi fa impazzire…l’avrei sostituita con Everything I do che Bryan ultimamente, non preferisce fare negli show acustici…ma kissà perchè!
“Run To You”…Bryan presenta due suoi amici…John Richmond e Jose Mourinho (ex allenatore del Chelsea) presenti in sala e tranquillamente seduti tra “noi comuni mortali”…e dedica a Mourinho la sua grande hit…
“This Time” (with Keith)…io la adoro questa canzone, mi ricorda quando ero piccolina…ehh Bryan riesce a farti sognare in ogni momento, ci vogliono pochi accordi e mi rivedo piccolina…
“Somebody” (with Keith)…I need somebody like you…stasera abbiamo bisogno tutti di qualcuno come te, qualcuno che ci faccia sognare come solo tu sai fare! Grazie Bryan!
“Have You Ever Really Loved a Woman” (with Keith)…bellissima come sempre.
“All For Love”…come sempre a chiusura dei concerti…mi mette una tristezza pazzesca perchè so che la magica serata è arrivata al termine…no no no, non voglio che vada via…
Un grande applauso finale, siamo tutti in piedi, ci avviciniamo al palco, cerco invano di dargli la mano, ma il canadese va via…
Non perdo tempo e mi avvio all’uscita laterale artisti…pian piano arriva sempre più gente…è ovvio che Bryan da li non uscirà mai…siamo in troppi…la mercedes nera…parte vuota, va via e li capisco che Bryan esce dalla seconda uscita laterale…una corsa ripagata con una foto scattata all’istante, Bryan esce e in pochi minuti è già in macchina…
Ore 23:13 bye bye Bryan!!!!

Dublino 15 Gennaio 2010…The Bare Bones Tour

Il più bel concerto che ho visto di Bryan… un’incredibile nostalgia ogni volta che ripenso a quella sera…Bryan come sempre è davvero un grande sul palco e la sua voce sempre più bella…L’acustica dell’Olympia Theatre spettacolare…

Bryan in acustico l’avevo già sentito a Milano, accompagnato dal Maestro Keith…
Per il Bare Bones Tour…accompagnato da Gary…è stato da pelle d’oca…Che dire, inutile tentare di descrivere qualcosa di spettacolare…
L’ordine giusto delle songs non lo ricordo…e forse ne manca qualcuna …

Run to you
Tonight we have the stars
Hearts on Fire
Back To You
Here I Am
Thought I’d died and gone to heaven
Let’s make a night to remember
Can’t Stop This thing We started
Why Do You Have to Be So Hard to Love
Heat of the night
Not Romeo Not Juliet
(Everything I Do) I do it for you
Cuts like a Knife
Please Forgive me
Summer of ’69
Walk on by
Heaven
When you’re gone
I’m ready
The only thing that looks good on me is you
Have you ever really loved a woman
You’ve been a friend to me
Straight from the heart
All for love

Ipswich UK – Regent Thetre – 16 october 2010// Memories

Un grazie alle BADgirls che erano con me…Claudia, Glenda e Alessandra…abbiamo condiviso un bellissimo concerto….

Ultima fila piano supriore del teatro …mi sono sentita davvero male…però tutto sommato mi sono alzata in piedi dalla prima canzone….Apertura con Run to You…la scaletta nn la ricordo bene…comunque a seguire…Jealousy…ehh Bryan ha davvero dato il massimo…non mi sarei mai immaginata di sentire Do I Have To Say The Words…da pelle d’oca…bellissima, più della versione originale, una voce che davvero arriva fino in fondo all’anima…
Here I Am, I’m ready, Heat of the night, Everything I do, You’re Still Beautiful to me,When you’re gone, Can’t Stop This Thing We Started, Let’s make a night to remember, Cuts Like a Knife…
…il bello per me arriva verso metà concerto…
Si accendono le luce e Bryan cerca 4 persone nelle ultime file in alto…eh si cavolo sta indicando proprio dove sono io…ci invita a scendere, me , claudia e 2 inglesi…Per le scale si corre…nella mente tanti pensieri…entriamo in platea…luci accese, gente che applaude…io nn so dove andare…quando Bryan fa……sit there or you’re fucked (LOL) o vi sedete o siete fottuti …e li ci ha indicato dei posti credo fosse in 4 o 5 fila…Seguono Lonely Nights e When the Night Comes…Heaven, The Right Place, The Only Thing That Looks good on me is you, Somebody, …poi verso la fine vuole che ci avviciniamo tutti di più, lascio il mio posto e mi ritrovo con i gomiti poggiati sul palco…canta You’ve been a friend to me, straight from the heart…in tutto ciò cerco di fargli capire che voglio il plettro…I still miss you a little bit, Have you ever really loved a woman…
L’ultima nn so quale sia stata…l’emozione è stata davvero grande, saluta e prima di andare via mi lancia il plettro che gli avevo chiesto…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...